• Smart Working & Place Benefits

Qual è il workplace ideale per la propria azienda?

Il report di Woliba – realizzato con il contributo della Data-Powered Creativity di Arkage e W-Mind – ci racconta quali sono i fattori che incidono maggiormente sulle motivazioni e sulla produttività dei dipendenti in ufficio.

L’idea di “ufficio” anche prima del Covid 19 stava già cambiando, e non parliamo solo di office design. Il workplace, era (e sarà) il luogo in cui le persone trascorrono gran parte del loro tempo: in media, secondo alcuni dati, anche dieci ore al giorno. Ecco perché un ambiente lavorativo di qualità (e anche più sicuro) rende più “felice” chi ci lavora. Inoltre, il workplace diventa driver per l’attrazione dei talenti. E di conseguenza, più produttivo e “remunerativo” per il business di un’azienda.

 

La ricerca di Woliba prende in esame le risposte di 1050 impiegati del settore privato, per rilevare i driver di produttività e motivazione e le fonti di stress in ufficio e delineare, in base agli insight rilevati, i principali fattori che guidano la scelta dei benefit per il posto di lavoro ideale.

 

Sono 5 le aree di maggiore sensibilità rilevate dai lavoratori: il bisogno di socialità e la presenza di una comunità attiva all’interno del luogo di lavoro; il tema dell’office environment design, con focus sul cosiddetto “ufficio ergonomico”; il valore della rigenerazione urbana e della sostenibilità; le mutazioni delle dinamiche di produzione, con il lavoro misurato non più in unità di tempo ma per obiettivi; i vantaggi di una buona alimentazione, del fitness e di altre attività di relax disponibili anche sul posto di lavoro.

 

Particolare attenzione è rivolta ai temi specifici del Management by Objectives e dello Smart Working, sempre più centrali nella vita lavorativa anche alla luce degli effetti dell’epidemia da COVID-19 e sulla cui gestione le aziende devono saper riflettere attentamente. Il lavoro agile, infatti, è apprezzato molto dai lavoratori Millennial, già abituati ad una gestione del lavoro per obiettivi, e meno dai Senior – una fetta importante della forza lavoro.

 

Il report What Workers Want entra nel dettaglio di questi topic, con una overview sui cambiamenti storici e socio-culturali delle prerogative dei lavoratori dagli anni ’80 a oggi a cura della Dr.ssa Luciana d’Ambrosio Marri, Sociologa del lavoro, e del Prof. Andrea Castiello d’Antonio, Psicologo delle organizzazioni.

Leggi subito il report “What Workers Want”.

 

[SCARICA IN ITALIANO]
[DOWNLOAD ENGLISH VERSION]